mercoledì 2 novembre 2016

Penne-Francavilla 2-2

Il Penne blocca la capolista al Colangelo al termine di un match spettacolare e di grande intensità davanti ad una grande cornice di pubblico allungando a quattro la striscia di risultati utili consecutivi ed abbandonando l'ultimo posto in classifica per la prima volta da inizio torneo. Risultato sostanzialmente giusto per quanto visto in campo con i biancorossi bravi a rispondere colpo su colpo ai quotati avversari provandola anche a vincere quando possibile. Due volte in svantaggio nel primo tempo i ragazzi di mister Savini hanno prima pareggiato grazie alla terza rete di Chorfene dagli undici metri, poi fissato il punteggio sul 2-2 ad inizio ripresa con Coletta abile a deviare in porta da due passi un pallone vagante in area. Le due reti ospiti sono arrivate grazie alla prodezza di Di Gennaro e l'acuto di Rodia entrambi abili a sfruttare due incertezze difensive. Sul 2-2 due grosse occasioni per parte: Di Properzio e Chorfene per i biancorossi, Rodia e Miccichè (miracolo di Malaspina all'ultimo minuto di recupero) per gli ospiti.

Penne incerottato dalle assenze di Di Bartolomeo (squalificato), Mottola, Ursini e Mucci, in campo confermato il 4-3-1-2 con la novità Di Campli a centrocampo e Coletta inserito in tandem con Chorfene in attacco.
Sul fronte opposto l'ex di turno mister Montani schiera i suoi con il 4-3-3 con lo spauracchio Di Gennaro al centro dell'attacco, Rodia e Miccichè sugli esterni, tra le linee Rodia schierato a centrocampo ma abile negli inserimenti.
Pronti-via ed ospiti subito in vantaggio grazie ad un prodezza di Di Gennaro abile in area a controllare un lancio e concludere con una gran botta che si infila imparabilmente sotto l'incrocio opposto della porta di Malaspina. La rete in apertura sembra essere una mazzata per i biancorossi che non ci stanno e riequilibrano le sorti dell'incontro dopo appena tre minuti: Coletta sguscia in area ma viene atterrato dalla retroguardia ospite, dagli undici metri si presenta Chorfene che timbra il terzo centro consecutivo in stagione.
Il pareggio regala linfa ai biancorossi che mostrano anche buone geometrie a centrocampo con un Val ispirato che al 15' apre per l'accorrente Coletta che da buona posizione conclude in porta trovando la deviazione di un difensore avversario.
Al 20' tuttavia arriva la doccia fredda del raddoppio francavillese con Rodia che si infila tra le incerte linee difensive pennesi e sfrutta al meglio una rapida verticalizzazione infilando di giustezza Malaspina per il nuovo vantaggio. Il gol è una mazzata e gli ospiti vanno ancora in rete sempre con Rodia ma l'assistente di linea alza la bandierina segnalando una posizione di offside.
Al rientro dagli spogliatoi la partita si infiamma: dopo appena due minuti il vantaggio pennese, sugli sviluppi di un angolo la corta respinta della difesa giallorossa libera al tiro Di Campli, la conclusione sporca si trasforma in assist con Coletta che da due passi infila in porta la rete del 2-2.
Il match torna ora sui binari dell'equilibrio, i padroni di casa ci provano in due occasioni con Di Properzio che prima impegna Brunetti alla respinta con i pugni sugli sviluppi di un calcio di punizione, poi prova a beffare l'estremo ospite fuori dai pali con una conclusione improvvisa dalla trequarti alta non di molto.
Il Francavilla certo non di lascia intimidire e specie nella seconda parte della frazione prova a vincere il match: al 28' Di Gennaro illumina per Rodia che si infila sulla destra e conclude di poco a lato sul secondo palo.
Il finale è al cardiopalma con Chorfene che al 44' sfiora il colpaccio in contropiede con una conclusione radente dall'out sinistro, poi nell'ultimo dei cinque minuti di recupero è il Francavilla a rischiare il colpo con Miccichè che addomestica un pallone in area e da due passi calcia in porta con Malaspina che si supera blindando la porta e fissando il risultato finale sul giusto pareggio.
Ovvia soddisfazione per i biancorossi a fine partita, che centrano il quarto risultato utile consecutivo scrollandosi di dosso Morro d'Oro e Miglianico, domenica trasferta difficilissima sul campo di Capistrello ma con la grinta messa in campo oggi a questo Penne nulla è precluso.

PENNE-FRANCAVILLA 2-2 (1-2)

PENNE: Malaspina, Di Teodoro, Zaccagnini (9'st Reale), D Martile, Silvaggi (35'st Tofani), Di Simone, Coletta (31'st Di Martino), Di Campli, Chorfene, Di Properzio, Val. A disposizione: Cantagallo, Manocchia, Longo, Di Pietro. Allenatore: Savini

FRANCAVILLA: Brunetti, Di Pietrantonio, Di Pentima, Petrone, Di Lallo, Borghetti, Miccichè, Milizia, Di Gennaro, Rodia (41'st Di Sabatino), Rega. A disposizione: Spacca, Luciani, D'Alonzo, Di Giovanni, Ballanti, Rosini. Allenatore: Montani

Arbitro: Masciale di Molfetta

Reti: 6'pt Di Gennaro (Francavilla), 9'pt rig.Chorfene (Penne), 20'pt Rodia (Francavilla), 2'st Coletta (Penne)

Ammoniti: Di Teodoro, Di Campli, Di Martile, Silvaggi, Malaspina (Penne), Milizia (Francavilla)

venerdì 28 ottobre 2016

Miglianico-Penne 1-1

I biancorossi tornano da Miglianico con un buon punto, che alla fine regala un sospiro di sollievo ma lascia anche tanti rimpianti, al termine di un match condizionato su ambi i fronti dalle discutibilissime decisioni arbitrali su ambo i fronti e dalle pesanti assenze dell'ultimora in casa biancorossa che hanno costretto mister Savini a rivoluzionare la squadra in campo anche in corso d'opera. A decidere il risultato finale ancora una volta un acuto di Chorfene (foto) in assoluto il migliore in campo bravo a prendere il tempo alla difesa di casa e fulminare Pompei per il meritatissimo pareggio. Prima Miglianico in vantaggio con gran gol di Di Vito favorito da una clamorosa decisione arbitrale che inverte una punizione a favore; poi gialloblu in dieci e parità numerica ristabilita ad inizio ripresa con "compensazione" con Di Bartolomeo espulso per fallo da ultimo uomo con stesso (largo) metro di giudizio del primo tempo e Savini costretto ancora a rivoluzionare l'assetto con la meritata rete del pari che arriva a dieci dal termine. Un punto che se non altro basta per agganciare sull'ultimo gradino anche il Morro d'Oro.

Con Di Bartolomeo in panca costretto a restare fermo un'intera settimana causa febbre, e le defezioni dell'ultimora di Mottola e Coletta, mister Savini conferma Di Teodoro sull'out destro della difesa rilanciando Ursini sul fronte opposto mentre in mezzo al campo torna titolare Reale con Val e Di Martile, Di Properzio a supporto del tandem Mucci-Chorfene.
Defezione dell'ultimo momento anche per il Miglianico costretto a rinunciare alla punta De Leonardis out per infortunio.
Pronti-via e l'equilibrio del match viene spezzato al 13' dopo un avvio decisamente alla pari, con il locale Di Vito abile a raccogliere al volo una respinta corta della difesa vestina ed infilare Malaspina; proteste vibranti tuttavia dei biancorossi visto che l'azione era stata pesantemente condizionata da un'invenzione arbitrale che invertiva clamorosamente un fallo ai danni di Val regalandolo ai padroni di casa che sugli sviluppi dello stesso costruivano l'azione vincente.
ll Penne provava ora a scuotersi e malgrado il gol a freddo e qualche errore di troppo in fase di impostazione si faceva vedere dalle parti di Pompei con un tentativo di Mucci che al 19' defilato sulla destra calciava a lato sul secondo palo. Al 24' era invece un'incursione del mobilissimo Chorfene ad impegnare l'estremo di casa e dopo un break dei locali arrivava l'espulsione del difensore del Miglianico Pompei che atterrava Chorfene involato verso la porta; malgrado la distanza ragguardevole rispetto all'area di rigore Romanelli di Lanciano non aveva dubbi ed estraeva il rosso diretto nei confronti del giocatore di casa spedendolo negli spogliatoi anzitempo.
Ora i biancorossi alzavano il baricentro, mancavano il pari con un colpo di testa su azione d'angolo respinto con il corpo da un difensore di casa poi al 45' era invece il turno di Mucci che in area, imbeccato da un bel filtrante di Val, calciava a botta sicura ma trovava il provvidenziale intervento del difensore di casa Miccoli a deviare in corner.
Al rientro dagli spogliatoi Savini, costretto già ad inserire Di Bartolomeo per il claudicante Ursini nella prima frazione, metteva dentro Di Martino al posto di Silvaggi passando ad un 4-3-3 puro con l'obiettivo di ristabilire le distanze.
Tuttavia dopo tre minuti la tegola di aggiornata si abbatteva sui biancorossi quando Di Bartolomeo atterrava al limite un attaccante di casa, il direttore di gara usava la stessa manica larga della prima frazione e sventolava il rosso al difensore pennese ristabilendo la parità numerica.
La reazione pennese era comunque veemente, gli ospiti dal canto loro avevano la palla buona per raddoppiare ma la sprecavano per questione di centimetri, poi era solo il Penne che provava a sfondare specie dall'out destro con Di Martino e con un Chorfene abile a lavorare a tutto campo: al 18' l'attaccante tunisino si liberava dal limite ma calciava centralmente, al 29' era invece Val che ci provava dal limite raccogliendo una respinta della barriera su punizione di Di Properzio ma non riusciva ad angolare la conclusione.
Al 36' il meritato pari con Chorfene ancora protagonista abilissimo ad inserirsi su un'improvvisa verticalizzazione, controllare ed infilare Pompei.
Siglato il pari i biancorossi provavano anche a vincerla, ma a farsi sentire erano sicuramente i pesanti carichi settimanali ed un paio di palloni potenzialmente buoni venivano sprecati con poca lucidità.
Alla fine il pari può stare bene ai ragazzi di Savini costretti subito ad inseguire e decimati dalle assenze dell'ultimora con diversi elementi in campo non al top compreso Silvaggi uscito nel finale di primo tempo. Un punto che se non altro allunga la serie positiva delle ultime tre gare e permette ai biancorossi di agganciare anche il Morro d'Oro all'ultimo posto in classifica.
Domenica in casa contro il Francavilla capolista servirà l'impresa.

MIGLIANICO-PENNE 1-1 (1-0)

MIGLIANICO: Pompei, Tacconelli, Colarossi, Perfetti, Grossi (32'st Scordella), Miccoli, Di Pompeo, Fiaschi, Palombaro (26'st Pompeo), Damiano (1'st Battista), Di Vito. A disposizione: Ferrara, Leone, Di Moia, Torsellini. Allenatore: D'Ambrosio

PENNE: Malaspina, Di Teodoro (22'st Zaccagnini), Ursini (18'pt Di Bartolomeo), Di Martile, Silvaggi (1'st Di Martino), Di Simone, Chorfene, Val, Mucci, Di Properzio, Reale. A disposizione: Cantagallo, Di Campli, Manocchia, Bianchini. Allenatore: Savini

Arbitro: Romanelli di Lanciano

Reti: 13'pt Di Vito (Miglianico), 35'st Chorfene (Penne)

Ammoniti: Val (Penne), Pompei, Palombaro, Battista, Perfetti, Tacconelli (Miglianico)

Espulsi: Di Pompeo (Miglianico) al 34'pt per fallo da ultimo uomo; Di Bartolomeo (Penne) al 3'st per fallo da ultimo uomo.

venerdì 21 ottobre 2016

Penne-Sambuceto 1-0

Un gol di Chorfene (foto) nel finale di primo tempo regala i primi tre punti meritatissimi ai biancorossi, che comandano il match dal primo all'ultimo minuto rischiando pochissimo e sfiorando a più riprese il raddoppio. Primo tempo a senso unico con il Penne che attacca, ospiti inesistenti dalle parti di Malaspina, logica conseguenza il gol del vantaggio procurato da Chorfene che guadagna un rigore per atterramento ad opera di Palena, e poi ribadisce in rete la respinta dell'estremo ospite che aveva neutralizzato la conclusione di Di Properzio. Nella ripresa gli ospiti provano ad attaccare ma è il Penne che sfiora in maniera clamorosa il raddoppio in apertura di ripresa con Di Martile poi ancora con Chorfene in contropiede. Ospiti vivi solo con una punizione dal limite di Nardone neutralizzata dal bravo Malaspina, al triplice fischio esultanza meritatissima per la prima vittoria stagionale che vale l'aggancio al Miglianico e l'avvicinamento alla zona salvezza distante ora soli tre punti.

sabato 15 ottobre 2016

Virtus Teramo-Penne 2-2

Primo punto stagionale per il Penne che muove la classifica ma si morde le mani, con la piena posta in palio che sfuma solo al novantesimo. Con le novità in campo di Malaspina (foto), Di Teodoro, Di Bartolomeo e Chorfene, il copione del match sembra seguire il tema di sempre: biancorossi subito a comandare il gioco e pericolosi con Di Properzio, avversari che al primo tiro in porta sbloccano il punteggio grazie al solito "eurogol" della domenica. Subito lo svantaggio questa volta il Penne prima pareggia con Mucci nel finale di frazione, poi ad inizio secondo tempo passa a condurre con Silvaggi. Tutto sembra girare dalla parte dei biancorossi che tuttavia hanno il torto di chiudersi specie dopo i cambi di Val e Di Properzio, e così dopo un bell'intervento di Malaspina a disinnescare una punizione dell'esperto Cini, al novantesimo un pallone buttato in area termina in rete al termine di una mischia confusa risolta da due passi da Passamonti tra le proteste.

mercoledì 5 ottobre 2016

Penne-Nerostellati 1910 0-2

Non basta nemmeno il ritorno al Colangelo ai biancorossi che contro i Nerostellati infilano la sesta sconfitta consecutiva cadendo di nuovo nei soliti errori che continuano a pregiudicare un inizio stagione finora catastrofico. Malgrado alcune assenze, l'undici di Savini parte bene con un ispirato Di Properzio (foto) arretrato in mediana, andando subito vicinissimi al vantaggio con un diagonale di Reale di un soffio a lato ed una bella conclusione di Coletta ben respita da Meo. Ma al primo affondo ospite un'indecisione della retroguardia pennese regala il vantaggio agli ospiti che in chiusura di frazione, al secondo tiro in porta, raddoppiano con la solita punizione concessa dal limite. Al rientro dagli spogliatoi il Penne prova a scuotersi, i pratolani si difendono e ci si mette anche la sfortuna (traversa piena di Val) insieme ad un miracolo dell'estremo ospite Meo su colpo di testa di Mucci a tenere il risultato inchiodato sul doppio svantaggio finale.

lunedì 26 settembre 2016

San Salvo-Penne 2-0

A San Salvo arriva la quinta sconfitta in altrettante gare per i biancorossi che confermano il trend negativo di inizio stagione nell'ennesimo match-emblema di una stagione incredibilmente sfortunata. Il Penne alla fine non sfigura: parte forte creando una buona opportunità con Di Properzio ma cade il primo tiro in porta dei locali che con Quaranta azzeccano l'eurogol con gran botta dal limite. Subita la rete, sprecano la palla del pari con un colpo di testa a lato di Silvaggi da due passi sugli sviluppi di un corner ed alla seconda offensiva locale subiscono il raddoppio con un altra prodezza del centravanti Buonanno, bravo a prendere il tempo a Mottola stoppare e girarsi infilando di prima intenzione sotto l'incrocio l'incolpevole Cantagallo. Inutili anche i tentativi nella ripresa dove un attacco dalle polveri bagnate non riesce a far male ai biancazzurri che dal canto loro creano poco o nulla portando a casa il risultato finale col minimo sforzo.

Penne-Cupello 0-3

Nel turno infrasettimanale arriva un'altra pesante disfatta per il Penne cui non basta comandare il gioco nella ripresa per evitare la quarta sconfitta in altrettante gare che condannano i biancorossi a rimanere inchiodati sul fondo della classifica. Questa volta è diverso solo l'andamento del match ma il risultato, purtroppo, non cambia: Penne apparso più solido nel primo tempo vicinissimo al vantaggio con Mucci dopo appena un minuto e con Di Martino (migliore in campo) bloccato da un prodigio dell'estremo ospite. Nella rirpesa i biancorossi diventano addirittura padroni del campo, mettono alle corde l'avversario ma mancano negli ultimi metri specie con un De Matteis impalpabile. Il Cupello, sornione, sblocca a sorpresa il match al 22' su calcio piazzato e poi gioca sul velluto raddoppiando con Maio che salta Mottola in uno contro uno e siglando anche il tris nel finale sempre sugli sviluppi di un calcio piazzato rendendo così il risultato ben più amaro rispetto a quanto visto in campo.